Domenica della Divina Clemenza 2013

Marco 2,3-17

Questa domenica è intitolata della Divina Clemenza, ma è anche la giornata per la vita e la ricorrenza di San Biagio, venerato come protettore della gola.

Che cosa significa “clemenza”?

Clemente e Clementina sono nomi di persona, ma “Vergine clemente” è anche un titolo della Madonna e ci si rivolge a Dio per invocarne la clemenza. Clemenza dunque è una delle caratteristiche di Dio e di Maria, che forse noi abbiamo perso.

Secondo la definizione clemenza è benevola moderazione nel riprendere e nel punire. Non è non vedere le colpe degli altri e rimanere indifferenti, non è nemmeno l’eccesso di punizione.

La clemenza si traduce nella capacità di essere appassionati del fratello, di cercare di correggere amorevolmente chi sbaglia, virtù propria dei genitori che educano i figli.

La clemenza è la misura che Dio usa nei confronti del suo popolo insegnandola a noi affinché, a nostra volta, possiamo educare alla maniera di Dio.

Riflettere sulla clemenza mi ha dato serenità.

Gesù nei confronti di pubblicani e peccatori avrebbe potuto essere insofferente o spietato o veemente, seduto a tavola con loro. Invece, consapevole che sono i malati e non i sani ad aver bisogno del medico, ha lasciato che pubblicani e peccatori sedessero alla sua mensa, ha detto loro i loro peccati ma li ha amati.

Il modo più bello per sperimentare la clemenza del Signore è passare dal confessionale dove scoprire che Dio è clemente.

A noi piace emarginare, inveire contro chi sbaglia, o all’estremo opposto facciamo finta di niente. Essere clemente è la misura giusta.

Noi uomini stiamo portando la misura delle nostre relazioni all’estremo, molli o carichi di ira; dobbiamo tornare ad essere clementi, capaci di misericordia, senza lasciarci travolgere da estremismi sia nella vita di tutti i giorni sia nella conduzione del paese. Ne deriveranno equilibrio e moderazione per vivere bene.

L’incontro con una persona clemente ci fa stare bene, impariamo da Dio e da Maria ad essere uomini e donne clementi per esprimere passione per la vita.